Qual è l’ora più erotica?

Guardate bene l’orologio: per aumentare i benefici del sesso può essere utile capire qual è l’orario migliore per farlo. Non solo per seguire i bisogni passionali, ma anche per entrare in contatto con il proprio bioritmo sessuale, variabile da uomo a donna ma anche da donna a donna. Ne discutiamo con la psicoterapeuta e sessuologa Nicoletta Suppa, e con tre donne che raccontano la loro “agenda delle prestazioni”

Il numero della felicità al femminile è 106. Sono i minuti di una perfetta giornata ideale, tutti da dedicare al sesso, svelati da un recente studio che ha coinvolto 909 donne, interrogandole sul grado di soddisfazione delle diverse attività che svolgono nel quotidiano. Che il fare l’amore sia sinonimo di benessere, non è una novità, ma per aumentare i suoi benefici può essere utile capire qual è l’orario migliore per farlo. Non solo per seguire i propri bisogni passionali, ma anche per entrare in contatto con il proprio bioritmo sessuale. “È ciò che scandisce i momenti migliori per fare l’amore ed è legato all’equilibrio emotivo, fisico e psicologico di ogni persona”, spiega la psicoterapeuta e sessuologa Nicoletta Suppa. Per le donne il bioritmo sessuale non è giornaliero, ma mensile e segue il suo ciclo mestruale. “Per questo a livello biochimico non c’è molta differenza se farlo la mattina o la sera, piuttosto è diverso l’approccio mentale. Invece c’è molta differenza nel corso del mese: il periodo in cui la donna ha più desiderio sessuale è quello in cui è fertile, ossia la settimana intorno al 14° giorno del ciclo, se regolare”, afferma l’esperta.

L’orario giusto per il piacere
A differenza del genere femminile, il bioritmo dell’uomo è giornaliero e lo rende più desideroso al mattino, perché ha alti livelli di testosterone. Grazie anche alle spontanee erezioni mattutine, legate alla fase del risveglio, è più facilitato e invogliato a iniziare un rapporto sessuale. La donna, invece, è psicologicamente più propensa a fare l’amore a tarda sera, meglio se di notte. “Durante questa fascia oraria, raggiunge uno stato di rilassamento e, allo stesso tempo, si attiva sessualmente perché finalmente si lascia andare dopo una giornata stressante, nella quale le proprie esigenze difficilmente hanno avuto la priorità”, spiega la sessuologa.

Quando il risveglio è erotico
Tanti studi affermano che iniziare la giornata tra coccole e orgasmi è salutare. Migliora l’umore e rende più forte il sistema immunitario, grazie al rilascio di ossitocina, creando uno stato di benessere che unisce la coppia per tutta la giornata. “A livello fisiologico, è un ottimo momento per dedicarsi all’eros, soprattutto per l’uomo, che ha una migliore attivazione sessuale. Per la donna, invece, basta solo superare la fase iniziale, magari con dei preliminari dedicati solo a lei, e lasciarsi andare sarà più facile seguendo naturalmente lo stato psicofisico del risveglio: maggiore rilassatezza e minore razionalità”, consiglia Suppa. Il modo migliore per farlo? Lasciarsi andare alle sensazioni piacevoli del corpo, vivendo il rapporto inizialmente in maniera un po’ passiva, lasciandosi guidare lui che è al meglio delle sue risorse. Tra le posizioni scegliete quella del missionario, che permette all’uomo di sfruttare al meglio l’erezione già presente e alla donna di assumere un ruolo più passivo, in modo da potersi dedicare alle proprie sensazioni. Questa posizione facilita anche l’intesa e la comunicazione emotiva tra i partner, poiché permette di mantenere il contatto emotivo. Fare l’amore al mattino, senza “preparativi”, è utile ad iniziare la giornata sentendosi desiderati.

FONTE: D – Repubblica

Ecco come raggiungere la sintonia!

Ideale per la sintonia di coppia, sarebbe trovare l’ora giusta per fare sesso: svolgere l’attività in un preciso momento, quando entrambi lo desiderano.

Pare esista davvero l’ora giusta per fare sesso, in modo da essere in perfetta sintonia con il proprio partner: l’ideale sarebbe fare l’amore con il proprio compagno in un preciso momento della giornata, quando i desideri maschili e femminili combaciano. E’ chiaro ed evidente che molto spesso l’uomo e la donna vivono in maniera molto differente il sesso: le ragazze tendono ad avere una visione più romantica dell’atto, mentre gli uomini in generale, la ritengono un’esperienza fisica finalizzata al raggiungimento del tanto amato orgasmo. A calcolare l’orario preciso, ovvero intorno alle 15.oo del pomeriggio, secondo quanto riporta Fanpage pare sia stata Alisa Vitti autrice del libro WomanCode: purtroppo però, non tutte le coppie riescono a essere libere in quel determinato orario, a causa di impegni lavorativi.

L’ora giusta per fare sesso: ecco come combattere il calo di desiderio!

Pare proprio esista un momento preciso durante l’arco della giornata, in cui entrambi i partner hanno più piacere nel svolgere l’attività sessuale.

Nel primo pomeriggio infatti, le donne hanno elevati livelli di cortisolo, l’ormone in grado di rendere vigili ed energici: gli uomini vivono un aumento degli estrogeni, che li rendono emotivamente presenti durante l’attività sessuale.

Da quello che riporta Fanpage, Alisa Vitti autrice del libro, pare abbia affermato: ”Il trucco per avere una vita sessuale davvero soddisfacente è capire come sincronizzare la propria libido con quella del partner”.

Sempre da quello che afferma il sito online, l’esperta pare abbia indicato anche il momento del mese migliore per avere l’attività sessuale più appagante: esso pare coincida con il decimo giorno successivo all’ovulazione.

Per tutte quelle coppie che vivono un calo di desiderio quindi, non resta altro da fare che concedersi l’ora giusta per fare sesso!

Il sesso virtuale è meglio?

Il sogno di molti internauti si avvera: grazie alla realtà virtuale, l’erotismo diventa ancora più coinvolgente. I nuovi visori 3D.

Pare che durante l’Adult Entertainment Expo 2016 di Las Vegas non si sia guardato altro. Al padiglione della Holofilm Produzioni la meraviglia erano un paio di occhialoni virtuali da 99 dollari che, collegati a Holo Girls sul proprio pc, permettevano ai curiosi di materializzare davanti ai propri occhi le ragazze dei loro sogni e “sentirsi parte dell’azione”, come dice entusiasta Anna Lee, la presidente.

Così il sesso virtuale (che nello specifico non coincide con il sesso davanti ad una webcam) si è rivelato in tutta la sua potenza. Dopo anni passati a teorizzare come sarebbe stato possibile fare all’”amore” con un partner virtuale, al netto delle produzioni cinematografiche che ci hanno fornito validi spunti: da Total Recall a Demolition Man.

Per questo motivo se la fantasia diventa realtà si infrange un tabù e ci si avvicina pericolosamente a un altro tabù: e se il sesso virtuale diventasse migliore di quello reale? Tranquilli, non per questa volta. Per arrivare al sesso con i robot (o perlomeno con dispositivi virtuali) servirà ancora molto tempo (anche se ci sono già i primi prototipi).

Fonte: Vanityfair

Guarda le tette, allunga la vita!

Studio tedesco: Fissare grandi tette per 10 min al giorno allunga la vita

Fissare seni formosi, donne maggiorate, per almeno 10 minuti al giorno allunga la vita.
Lo dice uno studio tedesco, pubblicato sul New England Journal of Medicine.
Lo studio sostiene che fissare il seno delle donne per alcuni minuti al giorno è meglio per la vostra salute che andare in palestra!

“Guardare il fascino delle donne maggiorate per 10 minuti equivale a 30 minuti di aerobica”, ha detto Karen Weatherby, esperto di invecchiamento e autore dello studio.

Noi ci teniamo alla vostra salute:

Fonte: Italia Notizie